viagra super force online buy
Yggdrasill Forum - Tales of Italia
calorie dairy app

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

 
Reply to this topicStart new topic
Tales of the Abyss, "Brace yourselves... a Shitstorm is coming..."
Zio Name
messagio 17 Nov 2011, 07:40
Messaggio #1


Livello 36
****

Gruppo: Members
Messaggi: 701
Iscritto il: 3 Jan 2011
Da: Monfalcone
Utente Nr.: 52
Sesso: Maschio



Tales of the Abyss


Tales of the Abyss, è l'ottavo capitolo dell'omonima saga, uscito su PS2 nel 2005 in Giappone e nel 2006 negli States. È uno dei capitoli più amati dal pubblico, nonché il primo ad offrire un'esperienza interamente in 3D, dall'esplorazione al BS (Symphonia non fa propriamente testo perché sebbene il campo di battaglia fosse in 3D, si combatte ancora con un rigido schema 2D “multilinea”). Ma, andiamo a scoprire se il gioco è davvero il “capolavoro” che si osanna.

Il destino è scritto nella mediocrità
Il gioco ci mette nei panni del giovane Luke fon Fabre, figlio di un nobile, nonché nipote del re del Regno di Kimlasca-Lanvaldear. La sua vita procede noiosa e senza eventi particolari, finché una misteriosa ragazza non cerca di assassinare il suo istruttore. Accade però un imprevisto e Luke, assieme all'assalitrice si ritrova catapultato dall'altra parte del globo, cosa che lo costringe a cooperare per risolvere la situazione. Da qui, nonostante il gioco presenti un'iniziale sequela di eventi interessante e ben studiata, comincia la caduta nell'abisso della mediocrità. Colpi di scena telefonatissimi e a volte per nulla necessari, lunghe fasi morte ed inconcludenti della trama, backtracking a go-go. Nemmeno il cast brilla per originalità o caratterizzazione. Contando tutti i personaggi presenti è triste notare come solo un personaggio venga decentemente caratterizzato sia a livello delle azioni che compie nella trama, sia a livello di background. Tutto l'universo di gioco viene approfondito ulteriormente dalla presenza delle Skit, i classici dialoghi tra personaggi che trattano i più disparati argomenti in base alle varie situazioni. Come sempre ne troviamo di interessanti e di ironiche, il problema è che spesso, nella loro totale demenzialità, alcune skit riescano ad essere più interessanti della trama in se.




Tales of, nel bene (tanto) e nel male (poco, ma fin troppo grande)

Come ogni gioco della serie, anche TotA offre la sua versione del LMBS, ribattezzato per l'occasione "Flex Range Linear Motion Battle System". Il funzionamento di base del BS è sempre lo stesso ma il tutto viene condito con numerosi elementi volti ad aggiungere strategia allo scontro. Sto parlando dei “Field of Fonons”, dei raggruppamenti elementali di “Fonons” (Mana, in poche parole) che permetteranno ai personaggi di eseguire Artes differenti se sfruttati a dovere. Il tutto viene arricchito da un sistema di skill secondarie chiamate “AD Skills” e da un sistema di combinazione delle “Fonons Chambers” con le varie Arts per dotarle di effetti secondari (costo in TP ridotto, possibilità di rubare oggetti, aumentare il tempo di stordimento, ecc...). Tuttavia, un ultimo elemento aggiunto dai programmatori non fa che rovinare totalmente tutta questa armonia di elementi (che credetemi, funzionano davvero bene), rendendoli praticamente inutili. Sto parlando dell'inserimento della “Free Run”, la possibilità di correre liberamente sul campo di battaglia per evitare colpi nemici, aggirarli e così via. Perché una feature come questa impatta negativamente il BS? Semplice, perché rende “inutile” la necessità di combattere strategicamente (le vecchie “mosse come Guard, Magic Guard, Backstep ed Advance Guard ci sono ancora) o la necessità di saper sfruttare a dovere le varie possibilità che la situazione ci offre, in quanto ci basta correre dietro al nemico, colpirlo con una serie di combo, spostarci, ripetere.
Il resto è classica “roba Tales”. Gestione dei menu, della strategia e degli equipaggiamenti sempre identica, con la differenza che questa volta è stato aggiunto un sistema per sviluppare in maniera specifica i personaggi, attraverso i “Capacity Cores”, delle pietre che conferiranno dei bonus a determinate statistiche ad ogni level up. Starà a noi decidere se utilizzarli per potenziare ulteriormente i punti forti dei singoli personaggi o se utilizzarli per rimediare alle loro debolezze.
Anche l'esplorazione è rimasta inalterata. Ci sposteremo su un'enorme World Map, esplorando città e dungeon, accompagnati come sempre dal fido Sorcerer's Ring, che ci aiuterà nella soluzione di enigmi e quant'altro.



Il Ballo del Robot (bello ma scattoso)
Graficamente, Tales of the Abyss è molto bello da vedere. Il motore grafico è solido, offrendo personaggi che rispettano piuttosto fedelmente i loro artwork ed una direzione artistica (specialmente nei dungeon) ben curata. lLenorme quantità di effetti speciali presente durante gli scontri viene gestita al meglio, non facendo scricchiolare il cuore della nostra amata PS2. Il tutto viene coronato da splendide cutscene animate. Quest'enorme ben di Dio ha però un prezzo non irrilevante: tempi di caricamento biblici e pesanti rallentamenti durante l'esplorazione della World Map. Tales of the Abyss è probabilmente il videogame con i peggiori tempi di caricamento che io abbia mai visto su PS2. Questi non fanno che pesare ulteriormente sul “godimento” della già scarsa trama, prolungandola ancora di più a causa diella loro mancata ottimizzazione. Ed i rallentamenti sulla World Map, spingeranno il giocatore a desiderare una pallottola nelle parti intime piuttosto che fare per l'ennesima volta andata e ritorno tra Daath e Baticul solamente per scambiare 3-4 linee di dialogo tra 2 NPC.



Meaning of Sound
Fortunatamente (per lui), TotA si difende bene per quanto concerne l'aspetto sonoro. Il titolo offre una buona OST, che, attraverso brani particolarmente interessanti e ben studiati accompagna il gioco, assieme ad un doppiaggio inglese di pregevole fattura. Gli unici nei riguardano alcuni “accoppiamenti” brano/scena ed alcune lievissime “stonature” nel doppiaggio sparse qui e la, ma nulla che possa intaccare in maniera grave la qualità complessiva del comparto audio.

Ore? Troppe. Semplicemente troppe.
TotA è un gioco “fin troppo lungo”. Per completarlo ho impiegato poco meno di 55 ore. Molte persone penseranno che si tratta di un ottimo risultato, ma in realtà non è così. È un brutto risultato. TotA è un gioco che trasmette poco ed impiega troppo a farlo, non solo per colpa dei tempi di caricamento (avesse offerto una trama ottima avrei chiuso un occhio al riguardo durante questo paragrafo), ma anche grazie ad una diluizione della trama fin troppo esasperante il monte ore lievita assurdamente (seriamente, con un minimo di testa, il tutto si sarebbe potuto riassumere in 30 ore). Va sottolineato che però il gioco presenta il potenziale per almeno una seconda partita (alcuni elementi di trama e/o gameplay saranno disponibili solamente durante un secondo giro), cosa che non potrà che far contente le persone a cui il gioco è piaciuto.

Il numero 8 è maledetto?
È il secondo caso nella mia lunga(?) carriera di giocatore di jRPG in cui l'ottavo episodio di una saga di videogames si rivela deludente. Fortunatamente, TotA non è deludente come un certo jRPG già discusso in queste pagine, ma non riesce nemmeno a distinguersi dalla massa di jRPG mediocri che popolano le nostre console. Davvero un peccato, perché da un gioco così osannato mi aspettavo parecchio, ma mi son trovato davanti non dico una montagna di merda fumante (vabbò, restando in tema Tales, quel posto se lo terrà Tales of Destiny 2 a vita), ma poco ci manca.


TRAMA: 5.5
GAMEPLAY: 6
GRAFICA: 7.5
SONORO: 8
LONGEVITA': 6.5

VOTO COMPLESSIVO: 6

PRO:
-BS con forti elementi strategici...
-OST
-Guy

CONTRO:
-... Rovinato dalla Free Run
-Trama e Cast
-Tempi di caricamento
-Longevità mal gestita


--------------------
jRPG Completati: 125
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Yurai Namida
messagio 17 Nov 2011, 09:02
Messaggio #2


Livello 74
Gruppo icone

Gruppo: Administrators
Messaggi: 2,779
Iscritto il: 14 Nov 2010
Utente Nr.: 3
Sesso: Maschio



Ovviamente inutile dire che non riesco a trovarmi d'accordo... toa_guy_02_2.png Per quello che reputo uno dei migliori jrpg per PS2 6 è decisamente un voto troppo basso secondo me. Soprattutto per quanto riguarda il voto per la trama.

Francamente è la prima volta che vedo definito ToA il peggior Tales per trama e personaggi. A dirla tutta è generalmente uno dei Tales più apprezzati dalla fanbase. (basti vedere RM3 che ha tutto il cast compresi Asch e Van xD)

I difetti che ho riscontrato io erano relativi ai problemi tecnici (caricamenti in primis) e una seconda parte caratterizzata da un eccessivo backtracking. (ma comunque narrativamente interessante)

Mentre trama e personaggi sono ciò che ho apprezzato di più con un setting originale e caratterizzato fino alle sue fondamenta (letteralmente xD) e personaggi che riescono ad avere il loro momento di caratterizzazione in egual misura.


--------------------
- FINAL FANTASY: THE 4 HEROES OF LIGHT -

- Yunita -


Questa scritta starà qui fino a che non ci sarà un nuovo arciere in Tales!

- N O W P L A Y I N G -

- J U S T P L A Y E D -


Gif Animata by Neyla! <3
I banner linkano ai rispettivi trailer!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Rowen J. Balory
messagio 17 Nov 2011, 09:47
Messaggio #3


Tear Grants lover
Gruppo icone

Gruppo: Administrators
Messaggi: 1,914
Iscritto il: 19 Nov 2010
Da: Yulia city - Tear's wardrobe
Utente Nr.: 44
Sesso: Maschio



A proposito di quel fatto del n°8 xD io sostengo, invece, che il n°6 delle saghe sono tra i migliori jrpg delle rispettive saghe ma poco calcolati, ingiustamente.

Tornando alla recensione...
Così come per gli odiosi caricamenti lunghi e come hai detto te sul free run, ammetto che è una "rovina" del BS rendendo facile il tutto, ma è così anche per i tales successivi che permettono di muoverci per la zona di combattimento, almeno TotA offriva l'esclusiva nella saga, dopo l'ibrido di ToR.
Purtroppo ho giocato TotA in maniera assurda dovuto a problema tecnici di "console" ma nonostante quello l'ho apprezzato.
Discorso Tear a parte, mi è piaciuto molto il cast e l'ho trovato unito e omogeneo(?) sebbene con animi totalmente diversi tra loro, l'unico che non mi è piaciuto è stato Luke, troppo palese e prevedibile...

Una stranezza che mi caratterizza è trovare spesso odiosi e deludenti i giochi molto discussi e apprezzati dai fan(magari è successo a te in questo caso), ma con TotA non è stato così, non per questo è tra i miei jrpg preferiti... solo contro Xenoasaga, per me, può poco a livello di trama.


--------------------



KOS-MOS: Shion, will feeling pain...make me complete?
Lezard Valeth: I think you should rest for a while, perhaps I can help show you how...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Zio Name
messagio 17 Nov 2011, 10:08
Messaggio #4


Livello 36
****

Gruppo: Members
Messaggi: 701
Iscritto il: 3 Jan 2011
Da: Monfalcone
Utente Nr.: 52
Sesso: Maschio



CITAZIONE(Yurai Namida @ 17 Nov 2011, 10:02) *
Ovviamente inutile dire che non riesco a trovarmi d'accordo... toa_guy_02_2.png Per quello che reputo uno dei migliori jrpg per PS2 6 è decisamente un voto troppo basso secondo me. Soprattutto per quanto riguarda il voto per la trama.

Francamente è la prima volta che vedo definito ToA il peggior Tales per trama e personaggi. A dirla tutta è generalmente uno dei Tales più apprezzati dalla fanbase. (basti vedere RM3 che ha tutto il cast compresi Asch e Van xD)

I difetti che ho riscontrato io erano relativi ai problemi tecnici (caricamenti in primis) e una seconda parte caratterizzata da un eccessivo backtracking. (ma comunque narrativamente interessante)

Mentre trama e personaggi sono ciò che ho apprezzato di più con un setting originale e caratterizzato fino alle sue fondamenta (letteralmente xD) e personaggi che riescono ad avere il loro momento di caratterizzazione in egual misura.


Seriamente, la trama è qualcosa di assurdo è TUTTO prevedibile (l'unica cosa che non ho previsto è praticamente secondaria, dato che non ha minimamente impatto sulla trama), tutto è scontato, tutto è già visto.

Personaggi... Luke è insopportabile (o meglio, è sopportabile ed interessante finché non decide di "tagliarsi i capelli", perché questo personaggio arrogante ma allo stesso tempo ingenuo e spaventato), Jade è "inesistente" (Ok, ha teorizzato la teoria relativa alla Fomicry, ma non è un Necromante, non ha realizato nulla di tutto ciò che ha portato agli eventi del gioco, ecc...). Natalia è meh, Anise è così-così, l'unico che si salva è Guy, l'unico decentemente caratterizzato, l'unico con il background interessante.

Seconda parte narrativamente interessante? È tutto un "vai dalla Sephiroth A alla Sephiroth B, ma nel mentre, gira come una trottola da un paese all'altro per parlare 2 minuti con un NPC".

Gli unici eventi interessanti si possono riassumere in:


Luke che per la prima volta uccide qualcuno
Luke che distrugge Akzeriuth (telefonatissimo)
Ion e Sync sono repliche (abbastaza telefonato)
La strage di Sheridan
Asch destinato a morire (telefonatissima pure questa)


Serivano 55 ore per dire sta roba? Non direi. Se poi consideriamo che

Van ha fatto quello che ha fatto perché l'ha letto nello Score (si evince proprio alla fine, nelle ultime parole tra Van e Tear), beh si cade nel ridicolo


--------------------
jRPG Completati: 125
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Gold snake
messagio 17 Nov 2011, 12:46
Messaggio #5


Livello 28
***

Gruppo: Members
Messaggi: 415
Iscritto il: 19 Nov 2010
Da: Svizzera
Utente Nr.: 43
Sesso: Maschio



Dopo aver finito Tales of the Abyss l'ho subito reputato come il miglior jRPG di sempre, adesso riflettendo bene posso immaginarmi come magari si tratta di sbornia e cercherò di giudicarlo oggettivamente (oggettivamente per modo di dire visto che un videogioco per me non lo puoi giudicare proprio oggettivamente, tranne per gli aspetti tecnici).

Prima di tutto, il motivo per cui mi piace tanto Tales of the Abyss è appunto per i personaggi, adoro il design e la loro psicologia piuttosto accentuata che influisce sul loro modo di parlare e per le loro backstory (Tear ed Anise a parte), oltre al loro rapporto con i vari antagonisti anche essi ben caratterizzati e con le loro motivazioni (cosa abbastanza rara da quanto ho visto, anche se si sono dimenticati di quello principale Van).
Tutti i personaggi hanno i loro difetti ed hanno messo un protagonista che è un completo idiota, ma l'idiotaggine del protagonista ed i difetti dei personaggi sono per me messi in modo decorativo e non fanno altro che farmi piacere di più i personaggi.

Riguardo ai colpi di scena io non ne ho predetto nessuno, forse perché per me non esistono colpi di scena prevedibili visto che di solito cerco di non fermarmi mai a pensare "chi sa cosa può succedere". Semmai esistono colpi di scena esagerati e senza senso, anche se per me non riferiti a Tales of the Abyss, quanto per esempio all'origine aliena dei personaggi di Legendia.

Il problema secondo me è che i vari personaggi, che per me sono frutto di un character design eccelso ma non impongo di pensarla allo stesso modo, sono legati male alla trama. Sembra che prima abbiano creato i personaggi per poi inserirli in malo modo in una delle solite trame che parla di conflitto e simili, oltre al mondo di gioco più irrealistico dei Tales of dopo Legendia.
E si sono dimenticati di mettere una backstory interessante a Tear, che per me aveva una psicologia interessante ed un rapporto con Luke che non è una relazione amorosa quanto piuttosto una specie di "addozione".
Comunque questo si traduce nel fatto che solo il protagonista sia effettivamente utile per la trama.

Vedendo i tuoi gusti deduto che preferisci un altra tipologia di personaggi un po' più "umani" e realistici, quelli piacciono anche a me ma adoro le "esagerazioni" per così dire.

Provo a fare una classifica dei miei personaggi preferiti di Tales of the Abyss:
1) Guy, suppongo per i tuoi stessi motivi.
2) Nathalia, perché è sfortunata visto che viene negata sia dai suoi amori Luke ed Ash che dai suoi due padri anche se poi il re cambia idea. Ed ha un modo di agire da "principessa delle fiabe" che mi ha fatto tenerezza.
3) Luke, per il suo modo di agire infantile ma per me reso in modo piuttosto interessante, è praticamente un bambino cresciuto che deve capire meglio la vita. È insopportabile ma comunque molto interessante.
4) Tear, per il suo modo di pensare piuttosto interessante ed il rapporto con Luke, anche se purtroppo manca di backstory.
5) Ion, che nonostante sia inutile guadagna punti per il modo in cui muore.
6) Jade, per i suoi precedenti come bambino autistico, ma è un troll e quindi mi sta antipatico.
7) Anise, perché sì.

Comunque adesso se a qualcuno possa interessare il mio Tales of preferito credo sia tornato Symphonia, ma per un motivo principalmente affettivo, i dungeon ed il character design anche se mi è piaciuto meno di quello di Abyss.


--------------------

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Aaron KoS
messagio 17 Nov 2011, 23:04
Messaggio #6


Livello 74
********

Gruppo: Members
Messaggi: 2,803
Iscritto il: 19 Nov 2010
Da: Bolzano-Bozen
Utente Nr.: 42
Sesso: Maschio



N°8= FF8=zio Laguna=selphie=Squall ç____ç

A questo punto se non ti è piaciuto credo proprio che lo giocherò appena posso!!


--------------------

One possible choice for a future....


Go to the top of the page
 
+Quote Post
sisriuss
messagio 21 Nov 2011, 13:29
Messaggio #7


Livello 23
***

Gruppo: Members
Messaggi: 296
Iscritto il: 28 Dec 2010
Da: Roma
Utente Nr.: 51
Sesso: Maschio



Senza offesa, Zio, ma mi sembra più un giudizio mascherato da recensione. A quanto ho capito non ti piacciono i personaggi, non sopporti l'eccessivo backtracking, la trama l'hai trovata scialba e gli avvenimenti prevedibili... sinceramente mi sembra che nel voto finale ci sia un po' troppo di gusto personale... Zelda Majora's Mask l'ho sempre trovato complicato, spesso non capivo cosa dovevo fare ed infatti è l'unico zelda che non ho mai terminato, l'ho trovato più noioso rispetto agli altri capitoli perché era qualcosa di diverso che però non mi è piaciuto... questo non significa affatto che debba meritarsi un voto basso, anzi.

Adesso non metto in dubbio le tue capacità di scrittura, perché sono ottime e sicuramente migliori delle mie, ma mi sembra che anziché valutare il gioco nella sua totalità, tu abbia sottolineato principalmente quelli che PER TE sono difetti perché effettivamente non ti sono piaciuti.

C'è gente che ha trovato la trama bellissima, gli avvenimenti sorprendenti e i personaggi ben caratterizzati e che ha ritenuto il backtracking una scelta intelligente per muovere meglio i personaggi e per introdurre elementi aggiuntivi alla trama. Come si spiega questo? Non pensi che il fatto che come gioco non ti sia piaciuto abbia condizionato parecchio il voto finale?


--------------------
What do we do now?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Aaron KoS
messagio 23 Nov 2011, 11:58
Messaggio #8


Livello 74
********

Gruppo: Members
Messaggi: 2,803
Iscritto il: 19 Nov 2010
Da: Bolzano-Bozen
Utente Nr.: 42
Sesso: Maschio



CITAZIONE(sisriuss @ 21 Nov 2011, 14:29) *
Senza offesa, Zio, ma mi sembra più un giudizio mascherato da recensione. A quanto ho capito non ti piacciono i personaggi, non sopporti l'eccessivo backtracking, la trama l'hai trovata scialba e gli avvenimenti prevedibili... sinceramente mi sembra che nel voto finale ci sia un po' troppo di gusto personale... Zelda Majora's Mask l'ho sempre trovato complicato, spesso non capivo cosa dovevo fare ed infatti è l'unico zelda che non ho mai terminato, l'ho trovato più noioso rispetto agli altri capitoli perché era qualcosa di diverso che però non mi è piaciuto... questo non significa affatto che debba meritarsi un voto basso, anzi.

Adesso non metto in dubbio le tue capacità di scrittura, perché sono ottime e sicuramente migliori delle mie, ma mi sembra che anziché valutare il gioco nella sua totalità, tu abbia sottolineato principalmente quelli che PER TE sono difetti perché effettivamente non ti sono piaciuti.

C'è gente che ha trovato la trama bellissima, gli avvenimenti sorprendenti e i personaggi ben caratterizzati e che ha ritenuto il backtracking una scelta intelligente per muovere meglio i personaggi e per introdurre elementi aggiuntivi alla trama. Come si spiega questo? Non pensi che il fatto che come gioco non ti sia piaciuto abbia condizionato parecchio il voto finale?



Majora's Mask pure a me non piaceva troppo, poi sono cresciuto e ho capito che capolavoro è, appunto perchè all'inizio non capivo cosa dovevo fare lo odiavo, poi ci ho preso la mano, il fatto di poter controllare il tempo e sapere cosa sarebbe successo, mi sentivo un dio :Q___


--------------------

One possible choice for a future....


Go to the top of the page
 
+Quote Post
Zio Name
messagio 1 Dec 2011, 17:46
Messaggio #9


Livello 36
****

Gruppo: Members
Messaggi: 701
Iscritto il: 3 Jan 2011
Da: Monfalcone
Utente Nr.: 52
Sesso: Maschio



CITAZIONE(sisriuss @ 21 Nov 2011, 14:29) *
Senza offesa, Zio, ma mi sembra più un giudizio mascherato da recensione. A quanto ho capito non ti piacciono i personaggi, non sopporti l'eccessivo backtracking, la trama l'hai trovata scialba e gli avvenimenti prevedibili... sinceramente mi sembra che nel voto finale ci sia un po' troppo di gusto personale... Zelda Majora's Mask l'ho sempre trovato complicato, spesso non capivo cosa dovevo fare ed infatti è l'unico zelda che non ho mai terminato, l'ho trovato più noioso rispetto agli altri capitoli perché era qualcosa di diverso che però non mi è piaciuto... questo non significa affatto che debba meritarsi un voto basso, anzi.

Adesso non metto in dubbio le tue capacità di scrittura, perché sono ottime e sicuramente migliori delle mie, ma mi sembra che anziché valutare il gioco nella sua totalità, tu abbia sottolineato principalmente quelli che PER TE sono difetti perché effettivamente non ti sono piaciuti.

C'è gente che ha trovato la trama bellissima, gli avvenimenti sorprendenti e i personaggi ben caratterizzati e che ha ritenuto il backtracking una scelta intelligente per muovere meglio i personaggi e per introdurre elementi aggiuntivi alla trama. Come si spiega questo? Non pensi che il fatto che come gioco non ti sia piaciuto abbia condizionato parecchio il voto finale?


Beh, sai com'è, è la mia recensione, che si basa sulla mia esperienza di gioco e sulle mie sensazioni provate nel giocarlo. Se già ad inizio gioco (sintetizzando) mi telefoni eventi a go-go e continui per tutta la trama, è ovvio che quando questi acadranno, non sarò stupito, anzi, sarò deluso perché l'avevo capito già 10 ore prima. Se i personaggi sono piatti, non posso certo mentire e dire "sono stupendi". La mia non vuole passare come "recensione oggettiva", ma come specifico nel mio blog, sono recensioni soggettive, che descrivono gli elementi del gioco per come li ho percepiti.

Per questa frase mi verrebbe da chiamarti "Capitan Ovvio".


--------------------
jRPG Completati: 125
Go to the top of the page
 
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 5th August 2020 - 08:42